Per il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Emilia, i D.P.C.M. sono fonti secondarie del diritto, ed in quanto tali non hanno l’autorità necessaria per poter legittimamente limitare la libertà personale. In base a questo orientamento, non commette il reato di falso ideologico chi non dice la verità nell’autocertificazione (sentenza n.54/2021).

Ecco quale è stato il ragionamento seguito dal Giudice.
L’obbligo di compilare l’autocertificazione per giustificare lo spostamento è previsto dal D.P.C.M. del 08.03.2020. Questo decreto, che limita e vieta lo spostamento delle persone tra i territori in esso indicati, per il Giudice di Reggio Emilia è illegittimo, in quanto di fatto pone in essere un obbligo di permanenza domiciliare. La permanenza domiciliare, penalmente parlando, è una misura sanzionatoria o cautelare che limita la libertà personale della persona che ne è colpita, solo un giudice può irrogarla e per motivi specifici e predeterminati dalla legge.
Difatti, l’art. 13 della Costituzione prevede che “le misure restrittive della libertà personale possono essere adottate solo su atto motivato dall’autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge.“.
La norma costituzionale prevede inoltre quella che si dice doppia riserva, una legislativa ed una giurisdizionale: in parole povere, solo un provvedimento del giudice può incidere sulla libertà personale di un soggetto, e solo nei casi stabiliti dalla legge.

Seguendo quindi il ragionamento del Giudice di Reggio Emilia, un DPCM non può limitare la libertà personale perché è una norma regolamentare di grado secondario e non un atto normativo con forza di legge. Si legge nella sentenza richiamata che “siccome, nella specie, è costituzionalmente illegittima, e va dunque disapplicata, la norma giuridica contenuta nel DPCM che impone va la compilazione e sottoscrizione della autocertificazione, il falso ideologico contenuto in tale atto è, necessariamente, innocuo; dunque, la richiesta di decreto penale non può trovare accoglimento.”

Se hai ricevuto un provvedimento giudiziario con il quale ti viene contestato il reato di falso ideologico per aver reso false dichiarazioni in un’autocertificazione, rivolgiti allo Studio: Ti sapremo consigliare al meglio.

© 2021 Avvocato Martina Bolis
Informativa Privacy | P.Iva 03891340162